Apple Watch sta creando nuovi modi per comunicare

AlexJonesNonostante la prima impressione di Apple Watch non è stata per tutti positiva, un gruppo di persone è davvero emozionato dal nuovo livello di accessibilità che può offrire – la comunità dei disabili.
Dall’uso dei trasporti pubblici alla comunicazione via touch con un’altra persona, gli smartwatches stanno creando una connessione anche tra le persone che hanno necessità differenti.
David Woodbridge, Senior Adaptive Technology Consultant presso Vision Australia, è cieco ed ha dichiarato di essere piacevolmente sorpreso dalla semplicità di utilizzo di Apple Watch. Ha elogiato soprattutto l’usabilità e la linearità dell’interfaccia del dispositivo.
Mashable Australia riporta le parole di Woodbridge che pare utilizzare regolarmente applicazioni come TripView – una piattaforma per i trasporti – su Apple Watch. L’orologio gli parla e gli permette di sapere del prossimo treno in arrivo, senza che lui debba estrarre l’iPhone dalla tasca.
Alex Jones di Ai Media è invece sordo dalla nascita. Anche lui ha trovato il dispositivo molto utile proprio perché funziona con il touch. Per lui, la tecnologia aptica di Apple Watch – quella che invia feedback al polso – è stata particolarmente utile.
“Utilizzo questa tecnologia per sapere quando arrivo in città. Se sto correndo, attraverso le vibrazioni del polso posso comprendere meglio la mia velocità e capire se rallentare o accelerare,” ha aggiunto. “Oltretutto, è possibile fare pressione sull’orologio per mandare il proprio battito cardiaco ad un’altra persona e questa è un’esperienza davvero particolare.”
Per quanto possano essere variegati i pareri riguardo l’orologio intelligente di Apple, è bello sapere che questo dispositivo – e i prodotti simili della concorrenza – riescano ad essere d’aiuto anche a coloro che sono diversamente abili.
Avete qualcosa da aggiungere a questa storia? Scriveteci utilizzando i commenti.

Scritto da Octavia

Salve a tutti, sono Margherita, fervida credente nel potere delle parole. Scrivere è una delle mie passioni. Ho iniziato diversi anni fa scrivendo per Heavy World e collaborando con eutk come redattrice ed intervistatrice, due note webzine e From Wishes To Eternity, rivista ufficiale del fanclub di una nota band musicale finlandese, i Nightwish. Essere informata su ciò che mi circonda, altrettanto. Adesso sono un'articolista freelance, lavoro principalmente su Scribox.it ma anche su altre piattaforme. Collaboro, inoltre, presso la facoltà di giurisprudenza come tutor alla pari. Sono una laureanda della medesima facoltà con una buona padronanza dell'inglese base e giuridico. Sono una di quelle persone che crede che la vita abbia sempre qualcosa da insegnarci, per cui piedi saldi a terra e sguardo che scruta lontano in attesa della prossima esperienza di crescita.