Ottimizzare Hard Disk in tre semplici passi

Ammetto di essere un gran consumatore di file digitali. Ho una cartella piena immagini sul mio disco rigido locale dedicate a LOLcats. Ho gigabyte di file FLAC di concerti live e di file MP3 presi da siti musicali come CNET Download.com. A questo punto, la domanda è: come ottimizzare hard disk semplicemente? Tengo sempre presente la necessità di fare dei backup dei dati su DVD, levandoli dal disco rigido, ma i 160 GB di spazio sono quasi sempre stracolmi. Per evitare che la macchina venga rallentata eccessivamente nel suo funzionamento, è necessario svolgere una manutenzione regolare. Esistono tanti modi per ottimizzare hard disk, ma la mia soluzione è in tre semplici passi.

WinDirStat offre un ottimo punto di vista sull’uso del proprio disco rigido:  la prima funzione permette di monitorare la quantità di spazio su disco; ma può anche tenere sotto controllo i propri dispositivi locali. Con una semplice scansione, si otterrà uno schema colorato con i tipi di file presenti, in cui la fascia blu è quella più numerosa, la rossa è la seconda e la terza è verde. Vengono rappresentate le prime dieci categorie, lasciando gli altri tipi di file in un blocco grigio. A quel punto, sarà possibile decidere cosa fare, in base al resoconto informativo ottenuto.

CCleaner è invece il programma utile per eliminare i file in modo rapido e leggero. File di applicazioni disinstallate, file temporanei di internet, liste di documenti recenti ed altre inutilità potranno essere eliminate, liberando spazio. L’ottimizzazione, in questo caso, va tanto a favore di Windows quanto di applicazioni di terzi. Non c’è da stupirsi nel vedere che, in realtà, questi file insignificanti occupano diversi gigabyte di spazio.

Auslogics Disk Defrag mostra ciò che si sta facendo in tempo reale: dopo aver liberato il disco da tutti quei file inutili, probabilmente, vi renderete conto che il vostro computer funziona meglio. L’operazione non è tuttavia conclusa, siccome per poter contare su migliori prestazioni del computer, è anche utile badare alla deframmentazione dei file, cioè, all’occupazione compatta dello spazio su disco, affinché i processi di caricamento file siano più veloci. Eseguendo una deframmentazione con Auslogics Disk Defrag, il vostro computer ne guadagnerà in velocità, giacché rintraccerà più velocemente i file, senza dover saltare tra una zona e l’altra del disco rigido.

Scritto da Davide Micheli