Facebook fa marcia indietro sulle informazioni personali

Facebook ha deciso per ora  di non offire agli sviluppatori gli indirizzi dei suoi utenti e i numeri di telefono, annunciando che il servizio è stato temporaneamente disattivato.

Facebook ha rivelato nel weekend che stava aumentano la quantità delle informazioni, alle quale gli sviluppatori avrebbero potuto accedere, aggiungendo indirizzi e numeri di telefono alla lista.

Queste informazioni avrebbero dovuto creare delle “applicazioni di terze parti più efficienti” per il sito, ma subito si è alzato un polverone di critiche di chi pensa che le proprie informazioni vengano così usate in modo improprio.

La società di sicurezza online Sophos l’ha definita “la ricetta del disastro”, mentre Facebook diceva a TechRadar che i propri utenti hanno il controllo assoluto sulle informazioni condivise sul sito.

Cambiamenti

Facebook, dopo aver ascoltato alla maggior parte delle critiche ricevute, ha deciso di sospendere l’accesso alle notizie riservate da parte degli sviluppatori di terza parte, aggiungendo che una versione migliorata del servizio uscirà tra qualche settimana.

“Durante la settimana, abbiamo ricevuto diversi riscontri utili, grazie ai quali possiamo rendere le persone più consapevoli di come e quando daranno accesso a questi dati” ha scritto nel proprio blog Douglas Purdy dello staff di Facebook. “Siamo d’accordo con loro e stiamo mettendo in atto i cambiamenti per fare in modo che chiunque possa condividere le proprie informazioni solo quando lo vorrà”.

“Stiamo lavorando per lanciare questi aggiornamenti al più presto e questo servizio sarà temporaneamente disattivato fino a quando i cambiamenti saranno pronti”.

Sarà interessante vedere tra un mese come Facebook affronterà questo argomento così spinoso della privacy.

Scritto da patrizia.palugan