L’hardware che usiamo è cinese, possiamo fidarci?

Lo so, è la storia infinita – – Ed in realtà, non aspettatevi che finisca presto – – ma c’è un altro punto di vista: Possiamo fidarci degli hardware cinesi?

Ora sappiamo che il governo Cinese, o una vastissima  operazione clandestina dall’asia privatamente finanziata, ha hackerato governi occidentali, agenzie di intelligence, e imprese per un decennio. E se gli Hardware che loro producono fossero in realtà delle backdoor segrete, o fossero pre-infestate da virus trojan?

La storia nel mondo dell’informatica giace sotto alcuni precedenti che fanno rabbrividire: sapevate che  agenti dell’intelligence Cinese “regalavano” fotocamere digitali contenenti virus alle fiere d’affari in Inghilterra? E se il governo Cinese avesse fatto la stessa cosa con i componenti dei PC – – E se la vostra Xbox 360 avesse una backdoor che permette di spiare la vostra rete locale? O magari chip della vostra scheda madre o scheda grafica che telefonano a casa?

È un’idea interessante, resa più spaventosa perché è credibile. Per ora, per quel che sappiamo, è solo spionaggio, un attacco al governo e alle imprese – – Ma quando ci saranno gli obiettivi?

Un vastissimo quantitativo di prodotti tecnologici viene prodotto in Cina e in Taiwan, e sarà così ancora per molto tempo – – se la morsa della cina è così resistente, perchè preoccuparsi?

Ed ancora, c’è qualche modo per combatterli? Voi cosa pensate?

Scritto da Angelo Tricarico

Appassionato di informatica sin da quando ero piccolo. Attratto da tutto ciò che è alimentato ad elettricità. Sviluppatore di giochi, applicazioni, software e siti web. Attualmente ricopro il ruolo di analista IT per un'importante società italiana.