La vicenda di Trump e Huawei in breve

La scorsa settimana, Trump ha firmato un ordine esecutivo che ha permesso al governo federale di vietare alle compagnie statunitensi di acquistare apparecchiature di telecomunicazione da compagnie straniere a loro discrezione.

Questa settimana, il danno ha cominciato a sembrare imponente per Huawei. Le compagnie americane, per volere di Trump e della società, hanno iniziato a voltare le spalle al gigante cinese e ciò influenzerà senza dubbio Huawei in modo sostanziale. Huawei potrebbe presto fare a meno di semplici cose come l’accesso alla versione non open-source di Android o forse dover rinunciare ai chip presenti in tutti gli smartphone moderni, oaddirittura  l’app store di Google.

Ecco alcune delle aziende che potrebbero abbandonare Huawei definitivamente. Intel, Qualcomm, Xilinx e Broadcom e Google.

Il divieto è stato posto, ufficialmente, perché il governo degli Stati Uniti non voleva che l’America fosse messa a rischio di spionaggio, ma è anche una mossa chiara nell’escalation delle tensioni della guerra commerciale.

Quello che incombe sul bilancio non è soltatnto la salute aziendale a rischio di Huawei, ma il fatto che la Cina e gli Stati Uniti potrebbero iniziare a mettere l’uno contro l’altro i giganti della tecnologia in una sorta di guerra commerciale. Questa volta è Huawei, ma chi ci dice che Apple non possa essere la prossima?

Scritto da Angelo Tricarico

Appassionato di informatica sin da quando ero piccolo. Attratto da tutto ciò che è alimentato ad elettricità. Sviluppatore di giochi, applicazioni, software e siti web. Attualmente ricopro il ruolo di analista IT per un'importante società italiana.