Xiaomi compra 1,500 brevetti Microsoft per affermarsi nel mercato occidentale

postato in: Curiosità, News, Software, Telefonia, Windows | 0

klhl

Xiaomi, il produttore cinese di smartphones, ha annunciato che comprerà 1,500 brevetti di Microsoft, molti dei quali relativi ai software mobile – una mossa che servirà alla società ad espandersi nel mercato occidentale. I termini finanziari dell’accordo non sono svelati.
Xiaomi, con i suoi dispositivi Android, domina il mercato quando gioca in casa, occupando il 26% delle vendite in Cina. Tuttavia, ha incontrato diverse difficoltà nel vedere la stessa crescita fuori dal mercato cinese.
La società, dal 2014, sta provando ad ampliare il suo portfolio dei brevetti, stipulando accordi con altre società, come Qualcomm, tra le altre.
Oltre all’annuncio relativo all’acquisto dei brevetti di Microsoft, Xiaomi ha anche dichiarato di aver accettato nel rendere native, sui suoi dispositivi, le applicazioni della suite di Office e Skype, permettendo a Microsoft di raggiungere decine di migliaia di persone in Asia.
Per Microsoft, questa è solo un’ulteriore conferma che la società non si sia arresa dopo il flop dei Windows Phone e che intenda invece affermarsi maggiormente sulle piattaforme dominanti, ovvero iOS e Android.
A cominciare da Settembre di quest’anno, Xiaomi Mi 5, Mi Max, Mi 4S, Redmi Note 3 e Redmi 3, includeranno Microsoft Word, Excel, PowerPoint, Outlook e Skype come applicazioni preinstallate all’interno dei dispositivi.
Xiaomi ha già avuto a che fare con Microsoft, in particolare con il suo servizio Mi Cloud che si collega ai server Microsoft Azure.
Avete qualcosa da aggiungere a questa notizia? Scriveteci utilizzando i commenti.

Lascia un commento