Nel 2018, in Giappone, verrà rilasciato un treno quasi invisibile

invisible-train-transparent-japan-kazuyo-sejima-sanaa

I giapponesi stanno per dare un senso tutto nuovo al concept “treno fantasma.”
Kazuyo Sejima, un noto architetto giapponese, ha progettato un treno super riflettente per la celebrazione del centesimo anniversario della società ferroviaria Seibu Holdings. Questo treno quasi invisibile dovrebbe vedere la luce entro un paio di anni, ovvero nel 2018.
Il treno, come potete vedere dall’immagine in alto, non è davvero invisibile, ma è costruito con dei materiali che gli permetterebbero di mimetizzarsi totalmente con l’ambiente circostante.
Ora, un treno simile è sicuramente un’idea molto affascinante e sarebbe fantastico vederne uno dal vivo, ma ci sono dei piccoli problemi relativi alla sicurezza da non trascurare. Tuttavia, siamo sicuri che, prima che questo treno veda la luce, verranno effettuati i giusti test e prese le necessarie misure di sicurezza per evitare di trasformare un’idea affascinante in un incubo ferroviario.
In rete, alcuni comparano questo treno al concept per un cappuccio invisibile di Land Rover o al camion di Samsung, ma in realtà ci sono delle differenze molto grandi tra questi tre elementi.
Il camion di Samsung utilizza un grosso schermo per dare l’illusione di vedere attraverso il veicolo, mentre il concept di Land Rover utilizza la realtà aumentata. Il treno di Seibu è solo estremamente riflettente, il che lo rende in qualche modo molto meno “tecnologico” degli altri due prodotti citati.
Cosa ne pensate dell’idea di un treno “quasi ivisibile”? Rispondete utilizzando il campo per i commenti.

Scritto da Octavia

Salve a tutti, sono Margherita, fervida credente nel potere delle parole. Scrivere è una delle mie passioni. Ho iniziato diversi anni fa scrivendo per Heavy World e collaborando con eutk come redattrice ed intervistatrice, due note webzine e From Wishes To Eternity, rivista ufficiale del fanclub di una nota band musicale finlandese, i Nightwish. Essere informata su ciò che mi circonda, altrettanto. Adesso sono un'articolista freelance, lavoro principalmente su Scribox.it ma anche su altre piattaforme. Collaboro, inoltre, presso la facoltà di giurisprudenza come tutor alla pari. Sono una laureanda della medesima facoltà con una buona padronanza dell'inglese base e giuridico. Sono una di quelle persone che crede che la vita abbia sempre qualcosa da insegnarci, per cui piedi saldi a terra e sguardo che scruta lontano in attesa della prossima esperienza di crescita.