L’Australia offre smartphones sicuri alle donne vittime di abusi

bc2d17ea12c940ceaf720534644ac5b1

Per molte donne vittime di violenza domestica, la tecnologia che utilizzano ogni giorno può diventare un altro strumento di abusi.
L’ubiquità della tecnologia mobile, in particolare, può permettere ai malintenzionati di perseguitare le donne, così come contattarle costantemente e minacciarle via messaggi di testo o posts su Facebook.
Il governo australiano ha recentemente annunciato che donerà 2.5 milioni di dollari al Women’s Service Network (WESNET), per fornire nuovi smartphones alle vittime di violenza e persecuzioni.
La donazione, aiuterà la già esistente collaborazione Safe Connection con la società di telecomunicazioni Telstra, a fornire circa 20,000 smartphones al WESNET nel giro di tre anni. Da quando il programma è partito, verso la fine del 2014, Telstra ha fornito al WESNET più di 2,500 smartphones Samsung, HTC e ZTE.
Karen Bentley del WESNET ha detto che tali dispositivi servono a quelle donne il cui smartphone primario è stato compromesso o viene tracciato da un persecutore. Anche se non contengono alcuna forma speciale di crittografia o protezione, gli smartphones servono ad aiutare le vittime di violenze e persecuzioni ad accedere ai vari servizi, a chiedere aiuto in caso di pericolo e a tenersi in contatto con gli amici e con la famiglia.
I dispositivi saranno distribuiti alle 350 organizzazioni di WESNET in Australia e ad altri partners.
Secondo una ricerca presentata da ReCharge sui dati del progetto Women’s Technology Safety del 2015, il 98% delle donne intervistate ha subito stalking e abusi anche online. Le due tecnologie più utilizzate dai persecutori sembrano essere i messaggi di testo e Facebook.
Il programma di WESNET istruisce le donne su come utilizzare i loro smartphones in modo sicuro e su come riconoscere possibili abusi e collezionare le prove che possono servire ad un’azione legale. Oltre a ciò, il programma insegna anche come rendere più sicura la propria presenza online e come utilizzare al meglio le opzioni per la privacy sui social media.
Avete qualcosa da aggiungere a questa notizia? Scriveteci utilizzando i commenti.

Scritto da Octavia

Salve a tutti, sono Margherita, fervida credente nel potere delle parole. Scrivere è una delle mie passioni. Ho iniziato diversi anni fa scrivendo per Heavy World e collaborando con eutk come redattrice ed intervistatrice, due note webzine e From Wishes To Eternity, rivista ufficiale del fanclub di una nota band musicale finlandese, i Nightwish. Essere informata su ciò che mi circonda, altrettanto. Adesso sono un'articolista freelance, lavoro principalmente su Scribox.it ma anche su altre piattaforme. Collaboro, inoltre, presso la facoltà di giurisprudenza come tutor alla pari. Sono una laureanda della medesima facoltà con una buona padronanza dell'inglese base e giuridico. Sono una di quelle persone che crede che la vita abbia sempre qualcosa da insegnarci, per cui piedi saldi a terra e sguardo che scruta lontano in attesa della prossima esperienza di crescita.