Phoenix: il robot indossabile e leggero per chi ha perso l’utilizzo degli arti inferiori

SuitXPhoenixUn hardware da poco più di 11 kg è riuscito a permettere a Steven Sanchez di camminare di nuovo. Sanchez ha perso l’utilizzo delle sue gambe più di dieci anni fa, in un incidente e ora si occupa del testing di un esoscheletro innovativo e leggero di SuitX, chiamato Phoenix.
Svelato Lunedì, il robot indossabile è il risultato di anni di studio e lavoro.
Sanchez, descrivendo il suo primo utilizzo di Phoenix, ha parlato della sensazione liberatoria di muoversi in giro nell’ambiente senza una sedia a rotelle.
Ovviamente il robot indossabile non è economico e costa circa 40,000 dollari, ma dispositivi simili e più ingombranti e pesanti, arrivano a costare anche il doppio di Phoenix.
“L’idea dietro questo particolare esoscheletro è quella di cercare di emulare il modo in cui camminiamo,” ha dichiarato il fondatore di SuitX, Homayoon Kazerooni.
Pare che Phoenix sia molto confortevole e utile per muoversi in un ambiente, ma che non sia adatto a salire scale. Tuttavia il Dr. Kazerooni nota che quasi nessun esoscheletro permette di compiere questa determinata azione.
Phoenix è completamente personalizzabile grazie ad un design modulare e può supportare diversi tipi di peso e altezze. Il robot indossabile viene controllato dall’indossatore tramite un telecomando che include funzionalità di base come “cammina, fermati, siediti e alzati.”
Il robot può essere utilizzato anche per le terapie di riabilitazione, grazie ad un’app progettata per tablet.
Avete qualcosa da aggiungere a questa storia? Scriveteci utilizzando il campo per i commenti.

Scritto da Octavia

Salve a tutti, sono Margherita, fervida credente nel potere delle parole. Scrivere è una delle mie passioni. Ho iniziato diversi anni fa scrivendo per Heavy World e collaborando con eutk come redattrice ed intervistatrice, due note webzine e From Wishes To Eternity, rivista ufficiale del fanclub di una nota band musicale finlandese, i Nightwish. Essere informata su ciò che mi circonda, altrettanto. Adesso sono un'articolista freelance, lavoro principalmente su Scribox.it ma anche su altre piattaforme. Collaboro, inoltre, presso la facoltà di giurisprudenza come tutor alla pari. Sono una laureanda della medesima facoltà con una buona padronanza dell'inglese base e giuridico. Sono una di quelle persone che crede che la vita abbia sempre qualcosa da insegnarci, per cui piedi saldi a terra e sguardo che scruta lontano in attesa della prossima esperienza di crescita.