Larry Page parla di un Motorola Nexus

GOOGLE/A differenza del presidente Eric Schmidt, Larry Page, CEO di Google, ha la tendenza a tenersi lontano dai riflettori. Come capo di un fiorente gigante tecnologico, è probabile che pensi che il suo tempo sia speso meglio sul suo lavoro piuttosto che saltando da uno show televisivo all’altro.

É stata quindi una sorpresa leggere su Fortune un’intervista al sopracitato CEO della compagnia di Mountain View, nella quale ha parlato di molte cose, dalle ricerche su auto che non hanno bisogno del guidatore a qualcosa di interessante riguardante il mondo Android.

Quello dell’intervista è stato tuttavia un Page molto sfuggente. Quando gli è stata posta una domanda riguardante la mancanza di coinvolgimento di Motorola nel programma Nexus, ha in primo luogo accennato ad una mancanza di tempo nel poter sviluppare un prodotto simile, dicendo “non possediamo la compagnia da tanto tempo”.

Quando poi è stato spinto a fornire precisazioni su come un Nexus by Motorola possa influenzare le relazioni con gli altri produttori si è limitato a rispondere che “c’è molta complessità nella questione”.

Riguardo i conflitti con Apple è stato ancor più esitante, insistendo sul fatto che incoraggia gli impiegati a guardare oltre a cosa fanno gli altri e a concentrarsi sul risolvere problemi per “stare due o tre gradini sopra” gli avversari.

Potete trovare l’intervista completa (in inglese) su Fortune.

Scritto da Simone Garuglieri