Amazon prepara il debutto nel mercato di smartphone e tablet

Dopo la notizia dello scorso mese che la Texas Instruments sarebbe uscita dal mercato del mobile processor, sospendendo il futuro sviluppo dei suoi OMAP ARM SoC, ora sappiamo che Amazon sta negoziando con l’azienda per l’acquisizione della linea di mobile chip.

Anche se questo potrebbe sembrare un fallimento di Texas Instruments, in realtà l’OMAP rappresenta una fetta piuttosto insignificante del mercato dell’azienda. TI è il terzo produttore al mondo di semiconduttori – dopo Intel e Samsung – e le sue fabbriche producono principalmente chip per computer analogici, radio e DSP. Per quanto riguarda gli SoC OMAP, la produzione è piuttosto debole.

È quasi certo, quindi, che TI sta pensando di darci un taglio, anche a causa della crescente concorrenza nel mercato della telefonia mobile da parte di Qualcomm, Samsung, Apple e Intel. Ci vuole molto denaro per rimanere competitivi, e TI ha probabilmente concluso che non ne vale la pena.

Oggi è stata diffusa la notizia che Amazon sarebbe interessata a rilevare il busioness del mobile chip di TI. Mentre non c’è alcuna conferma, le informazioni vengono da Assaf Gilad, giornalista israeliano che aveva preannunciato che la Apple era in trattative per acquisire Anobit – cosa che poi si è rivelata vera. Secondo Gilad, l’affare avrebbe un valore di “miliardi di dollari”. Ciò sarebbe possibile, visto le disponibilità economiche di Amazon.

Acquisire il business di mobile chip della TI, garantirebbe ad Amazon la possibilità di integrare questa tecnologia in SoC su misura per le nuove generazioni di Kindle e-ink ereader e tablet Kindle Fire. E gira una voce, sempre più persistente, che Amazon starebbe lavorando ad un suo smartphone.

Non dobbiamo però farci trarre in inganno. Amazon è un grande rivenditore online di beni fisici e digitali. Certo, questa nuova tecnologia gli permetterebbe di competere con altri produttori su una base uniforme, ma non influirebbe significativamente sui guadagni effettivi.

Altro punto: è comprensibile che Amazon, i cui dispositivi utilizzano dispositivi OMAP, si sia preoccupata della decisione della TI. Ma utilizzare chip Qualcomm o Samsung era una soluzione molto più economica rispetto all’acquisizione del brevetto sui chip di TI.

Se Amazon è interessata ai chip di Texas Instruments, probabilmente è perché il suo reale obiettivo è sfondare nel mercato hardware. Il mercato a cui Amazon potrebbe puntare è quello degli smartphone e dei tablet, per competere sullo stesso piano con Apple e Samsung. Ciò sarebbe del tutto folle, ma Amazon lo è altrettanto.

Scritto da niknikolas94