LG crea la prima batteria a forma di cavo

La LG Chem, membro del gruppo LG e una delle più grande aziende chimiche del mondo, ha messo a punto una batteria agli ioni di litio che ha la forma di un cavo di pochi millimetri di diametro, sufficientemente flessibile per essere annodato o indossato come un braccialetto o intrecciato nei tessuti.

La chimica alla base del cavo è la stessa impiegata nelle batterie al lito dei vostri smartphone – c’è un anodo, un catodo di ossido di litio cobalto, un elettrolita – ma invece di essere laminati a strati, sono intrecciati in una spirale flessibile.

La batteria di LG Chem inizia con unaa serie di sottili fili di rame, rivestiti con una lega di nichel-stagno per formare l’anodo. Questi fili sono intrecciati attorno ad un asticella di 1,5 millimetri. Una volta che l’asticella viene rimossa, il risultato è una molla resistente. Poi, i fili di alluminio vengono avvolti attorno alla molla e l’intera struttura viene inserita in una sospensione di ossido di litio cobalto, che ricopre l’alluminio e diventa il catodo. Infine, la molla anodo-catodo viene avvolta da un rivestimento protettivo esterno, e quindi viene inserito un elettrolita al centro della molla per creare la batteria definitiva.

Le batterie flessibili erano già state create prima – ma erano tutte normali batterie laminate, realizzate con materiali come i polimeri. In quanto tali, hanno densità energetica molto bassa e sono flessibili, ma come un foglio di plastica. Le batterie tubolari di LG Chem, invece, hanno la stessa densità energetiva delle batterie per smartphone – ma sono sottili e molto flessibili. La LG Chem è riuscita ad alimentare un iPod Shuffle per 10 ore con una batteria-cavo lunga 25 centimetri. L’obiettivo è quello di avviare la produzione entro il 2017.

Con il proliferare di dispositivi dalle elevate capacità di computing, le batterie rappresentano una grande limitazione. Mentre Intel lavora a transistor grandi solo pochi atomi e a processori che possono eseguire miliardi di operazioni al secondo consumando un paio di watt, siamo ancora fermi alle goffe batterie che abbiamo oggi.

La forma della batteria gioca un ruolo importante. Al contrario delle batterie cilindriche dei computer portatili, o quelle a forma di sacchetto di smartphone e tablet, le batterie a forma di cavo potrebbero essere inserite dovunque – intorno al bordo esterno del telaio, o intorno alla smussatura dello schermo. Ma si potrebbero portare al collo, o diversamente integrate nell’abbigliamento – per essere poi inserite nel dispositivo. Smartphone e tablet perderebbero immediatamente metà del loro pero e si potrebbe finalmente pensare ad apparecchi completamente flessibili.

Scritto da niknikolas94