Google Street View arriva in Germania con migliaia di edifici sfuocati

Il polemico stradario virtuale di Google ha iniziato a funzionare due giorni fa in Germania con immagini di 20 città in cui sono state sfuocate, a richiesta degli interessati, le facciate almeno di 244,000 edifici. Le immagini sfuocate rappresentano appena il 3% del totale, una percentuale molto più bassa rispetto al numero di tedeschi che hanno affermato in diverse interviste ( 52%, secondo il “Bild am Sonntag”) che avrebbero voluto occultare le facciate delle loro case nello stradario virtuale. Da alcune settimane Google ha raccolto nel suo stradario le prime immagini tedesche, nel concreto quelle di un villaggio, di mezza dozzina di monumenti e di dieci stadi.

Ma la pubblicazione della totalità delle immagini raccolte in questi mesi da circa 200 collaboratori di Google, era in attesa dell’autorizzazione finale e della risoluzione delle petizioni di chi temeva una violazione della privacy. Street View È stata fortemente criticata in Germania da cittadini e politici, tra questi il ministro di Protezione del Consumatore, Ilse Aigner, che considerava che questo nuovo prodotto di Google attentasse alla privacy e apportasse informazioni che potevano essere impiegate da ladri di appartamenti. Le critiche sono cresciute dopo aver saputo che l’azienda statunitense, fotografando le facciate, registrava anche con i suoi strumenti i dati e le password che provenivano dalle reti senza fili degli edifici, anche se Google ha provveduto a non pubblicarli. Dopo vari incontri con il governo tedesco, Google ha provveduto a sfocare le immagini delle case di chi lo chiedesse, impiegando una tecnologia chiamata blurring, che permette solo di vedere i contorni di un edificio. Così, l’impresa ha stabilito un periodo di reclami in cui cittadini le cui case fossero state registrate, potevano reclamare di essere esclusi dal servizio. Le 20 città tedesche che a partire da oggi si possono vedere on-line attraverso Street View sono Berlino, Bielefeld, Bochum, Bonn, Brema, Dortmund, Dresden, Duisburgo, Düsseldorf, Essen, Francoforte, Amburgo, Hannover, Colonia, Leipzig, Mannheim, Monaco, Norimberga, Stoccarda e Wuppertal.

Scritto da ioio10